Triguna e studio della personalità 

Secondo l'ayurveda la natura è costituita da tre qualità. In sanscrito queste forze vengono chiamate guna. Si trovano ad un livello profondo e ci aiutano a comprendere la nostra personalità.

 

Nella filosofia indiana il termine "guna" può assumere diversi significati. Quelli più significativi, ai fini dello studio della personalità, sono "qualità" e "costituente". Nella dottrina del Sankhya si fa riferimento ad esso in termini di triade di forze "Sattva, Rajas e Tamas".

 

Il termine Sattva è stato tradotto nella nostra lingua come "illuminazione". Rajas assume il significato di colorato, artificioso ed è il principio del movimento. Tamas, buio oscurità, fa riferimento al principio di inerzia. Alcuni psicologi indiani sostengono che molte manifestazioni del triguna sono direttamente osservabili nelle caratteristiche fisiche e psicologiche delle persone e si esprimono attraverso quattro dimensioni: intensità, dominanza, attività, fenomenalizzazione.

 

La dottrina dei guna sembra avere origine da altri contesti ma è ancora oggi conservata nella tradizione del Samkhya-yoga. E' ritenuta un concetto talmente importante che l'intera etica psicologica dell'India è basata su di essa. I guna sono i costituenti attivi della personalità da un punto di vista psico-fisico e la loro interazione sembra coinvolgere tutti i processi psichici. Essi non esprimono stati assoluti dell'essere quanto, piuttosto, il movimento e il continuo interscambio di forze che si manifestano nella personalità. Nella Caraka samhita il concetto di equilibrio e disequilibrio dei guna viene utilizzato per spiegare i diversi stati della mente. Caraka divide gli esseri umani in tre categorie basate sui tre guna e prosegue approfondendo le caratteristiche dei sedici tipi di personalità utilizzando tale concetto.

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© www.psicologiayurvedica.it Via Italia 38 10090 San Raffaele Cimena