Chi sono

 

Sono cresciuta ascoltando le gesta di due grandi personaggi: Walt Disney e Sigmund Freud. Mio padre li ammirava profondamente pur non essendo ne un fumettista e tanto meno uno psicoanalista. Credo che il motivo fosse la loro caparbietà nel perseguire i propri obiettivi senza curarsi dell'approvazione sociale. Così arrivò il primo libro: Psicopatologia della vita quotidiana. Un regalo di mio padre. Letto e discusso con lui più e più volte. Poi arrivò Pirandello con Uno nessuno centomila (se non sbaglio la Prof. lo definì un romanzo psicologico).

 

L'iscrizione alla facoltà di Psicologia non fu dettata da una attenta analisi delle offerte occupazionali, ma il naturale passaggio di un processo iniziato molto tempo prima. Alla Sapienza di Roma in quegli anni insegnava un analista Junghiano di fama internazionale: Aldo Carotenuto. La sua passione e il suo carisma lasciavano un segno in tutti gli studenti che seguivano i suoi corsi. Così mi appassionai prima a Jung e poi alla filosofia orientale.

 

Il passo successivo fu molto più complicato. La psicologia indiana non suscitava un grande interesse in occidente e i testi su questo argomento tradotti in italiano erano praticamente inesistenti.

Completato il percorso accademico e svolto il tirocinio nel campo della Psicologia dell'età evolutiva è finalmente arrivata l'iscrizione all'albo degli Psicologi della regione Piemonte. La scelta della libera professione in campo clinico mi ha consentito di continuare a coltivare l'interesse per la psicologia indiana in modo autonomo fino a qualche anno fa, quando casualmente le mie letture mi hanno permesso di scoprire che finalmente alcuni testi antichi dell'India venivano tradotti anche in italiano.

 

La decisione successiva di iscrivermi al corso di Operatore Ayurvedico nasce dal desiderio di rendere concreto il concetto indiano di unità mente corpo. Una ricerca sugli effetti del massaggio ayurvedico nella percezione soggettiva di alcuni stati emozionali è stata la logica conclusione di questa esperienza. La scoperta che alcuni Psicologi Indiani stanno indirizzando i loro sforzi per favorire la comprensione dell'uomo alla luce dell'antica medicina ayurvedica ha dato nuovo slancio al mio interesse, sostenuto dall'opportunità di dialogo e confronto che gli attuali mezzi tecnologici oggi rendono possibile.

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© www.psicologiayurvedica.it Via Italia 38 10090 San Raffaele Cimena